Hollywood Vampires / Auditorium Parco della musica / Rock in Roma 2018

Pubblicato il

Hollywood Vampires

Gruppo nato nel 2015  in onore del “The Hollywood Vampires“, un club per rockstar fondato dalla voce del gruppo Alice Cooper, tra i personaggi più controversi e discussi nella storia del rock, ha terminato il suo tour in Italia a Roma l’ 8 Luglio 2018 presso l’Auditorium Parco della musica. Con lui sul palco, Chris Wyse (bassista)  ha suonato per Ozzy Osbourne dal 2003 al 2005, facendo l’apparizione sull’album “Under Cover”. Buck Johnson (tastiera), membro degli Aerosmith, tutt’oggi. Glen Sobel (batteria), che ha collaborato con numerosi artisti internazionali tra cui Vasco Rossi. Tommy Henriksen (chitarra),  noto per il suo lavoro anche come bassista e compositore oltre che con Alice Cooper e gli Hollywood Vampires con la band metal tedesca Warlock . Cantautore, arrangiatore, produttore e mixer che ha lavorato con artisti come Lady Gaga , Lou Reed, Kesha e altri.  Joe Perry (chitarra) chitarrista solista e cofondatore degli Aerosmith. Nella classifica Rolling Stone è all’84º posto tra i 100 migliori chitarristi di tutti i tempi. Johnny Depp (chitarra) famoso attore di Hollywood nato nel Kentucky, ha partecipato alla composizione dei brani Fade In-Out e Fade Away degli Oasis.  Noi ervamo lì ! E vogliamo raccontarvelo con l’album fotografico qui presente e la nostra testimonianza.

Tanta la gente presente, inizio spettacolare tra giochi di luce ed Alice Cooper grandissimo protagonista che, alla sua veneranda età (70 anni), ha tenuto testa ad un’ora e mezza di spettacolo continuo senza pause. Bello vedere varie generazioni riunite nell’Auditorium ad ascoltare canzoni che hanno fatto la storia della musica come Heroes, Whole Lotta Love e altri brani anche del loro omonimo album inciso da Alice Cooper, Johnny Depp e Joe Perry per onorare tutte quelle rockstar morte per eccessi negli anni settanta. Il nostro Capitan Jack Sparrow aveva riportato in un’intervista prima del concerto 

Vi faremo sanguinare le orecchie, così sapremo che avremo fatto un buon lavoro!

un pò cruento, ma rende bene l’idea, in un mix di luci e chitarre hanno trascinato ogni singolo spettatore  in un vortice Rock.

Sullo sfondo scorrevano immagini di video musicali delle cover cantate, di cantanti che ci hanno lasciato ed il nome del gruppo, scritto su vari scenari ed in vari colori, rendendo così ancora più suggestiva l’atmosfera. A fine esibizione i membri del gruppo hanno lanciato verso gli spettatori dei plettri ricordo della tournè, hanno infine salutato e ringraziato il pubblico internazionale presente e l’Italia che li ha accolti calorosamente.

He came up to the window, in the mist                                              Si avvicinò alla finestra, nella nebbia

As I’d seen him often before                                                                   Come l’avevo visto spesso prima

But it was solid then, not a ghost                                                         Ma era solido allora, non un fantasma

And his eyes were fierce                                                                           E i suoi occhi erano feroci

Like a man’s when angry                                                                         Come un uomo quando è arrabbiato

He was laughing                                                                                           Stava ridendo

When he turned to look back of the built of trees                       Quando si voltò a guardare indietro la costruzione di alberi

Glinting in the moonlight                                                                        Luccichi al chiaro di luna

To where the dogs were barking                                                          La dove i cani abbaiavano

And then, he began promising me things                                        E poi, ha iniziato a promettermi delle cose

Not in words, but by doing them                                                         Non a parole, ma facendole

Have you seen an awful din of hellish infamy                              Hai visto un terribile baccano dell’infamia infernale

Where the very moonlight alive                                                          Dove è vivo il chiaro di luna

Where Chris Lee ships                                                                            Dove viene spedito Chris Lee

And every speck of dust that whirls in the wind                        E ogni granello di polvere che vortica nel vento

A devouring monster in embryo                                                       Un mostro divorante in embrione

Listen to them                                                                                            Ascoltali

The children of the night                                                                      I bambini della notte

What music they make                                                                         Che musica fanno

Con queste parole prese dal romanzo di Dracula di Bram Stoker iniziò il concerto, con le medesime parole si chiude la recensione dell’ultima tappa del tour degli Hollywood Vampires. Di questo grandioso evento porto con me i tanti bei complimenti che ho ricevuto da molti fan presenti e le belle foto fatte con loro, la bella giornata passata con gli amici, l’intervista fattami dalla troupe ufficiale dell’Auditorium, le nuove amicizie e ringrazio la mia compagna di vita, di avventure e di viaggio, mia moglie Luisa e mia sorella che ci ha regalato i biglietti.  Attendiamo adesso il loro prossimo album (con uscita prevista nel 2019) e la loro prossima tournè.

Saluti dal vostro Damiano Iannone alias (per tutti i bambini GRANDI e piccoli di Dragoland) Capitan Jack Sparrow

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *